Ⓒ 2015 IsoRivolta - Rivolta Engineering & Marketing Inc - All rights reserved | Privacy | Note Legali

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon

· ISO ISETTA

. . . .

Il leggendario design dell’Isetta era stato sviluppato da Ermenegildo Preti, un ingegnere aeronautico, e si ispirava al cockpit di un elicottero. I passeggeri spingevano in avanti il volante per aprire la portiera frontale, incernierata di lato, che gli permetteva di scendere comodamente sul marciapiedi senza preoccuparsi dello spazio in altezza. Minuscola, eppure in grado di accogliere due adulti e un bambino, la microcar era equipaggiata con lo stesso motore da 236 cc della Isomoto 200.

 

La presenza della vettura ai saloni internazionali fece notevole scalpore e suscitò grande interesse nel pubblico per le soluzioni innovative che presentava. Entro un paio d’anni, cominciarono a farsi avanti investitori internazionali.

 

L’Azienda, che già copriva una grande fetta di mercato con i loro motocicli quando propose la soluzione di questo veicolo, a metà strada fra un’auto e una motocicletta, diede il progetto in franchising a una serie di ditte europee e sudamericane.

 

Il contratto di licenza più vantaggioso fu quello stretto con la BMW, che costruì e vendette quasi 160 mila unità, aiutando così la IsoRivolta a riprendersi dalla crisi post-bellica. 

 

La leggendaria Isetta rimarrà sempre un simbolo del boom del dopoguerra europeo.

1/3